Operatore Socio Sanitario: chi è, cosa fa e quanto guadagna

operatore socio sanitario

Di

Data

Share

L’Operatore Socio SanitarioOSS è una figura professionale fondamentale nel campo dell’assistenza sanitaria. Secondo quanto riportato dalla classifica più recente del Sole24ore (Le 30 figure più richieste nel mondo del lavoro) è proprio l’OSS ad essere in vetta, complice l’emergenza sanitaria che ha influito inevitabilmente anche sull’incremento della domanda di specifiche professioni sanitarie.

Vediamo più nel dettaglio le particolarità di questo profilo professionale.

OSS: chi è l’Operatore Socio Sanitario e cosa fa

L’Operatore Socio Sanitario opera nel campo dell’assistenza socio sanitaria, tra le figure tecniche del comparto sanità pubblica, ma anche privata/accreditata. Svolge attività di supporto nel soddisfacimento dei propri bisogni fondamentali, finalizzate al recupero, al mantenimento e allo sviluppo del livello di benessere, promuovendone l’autonomia e l’autodeterminazione.

E’ una figura professionale prevista in Italia e riconosciuta a livello nazionale. Il lavoro OSS si svolge nell’ambito delle professioni socio sanitarie, con caratteristiche specifiche di ausiliarietà assistenziale senza però avere alcun potere decisionale.

Le competenze che non possono mancare ad un OSS:

  • sostenere i pazienti nelle loro attività quotidiane;
  • piccole medicazioni;
  • supportare nell’assunzione delle terapie orali;
  • rilevare i parametri vitali;
  • attività di sterilizzazione, sanitizzazione e sanificazione;
  • sbrigare pratiche burocratiche.

Quanto guadagna un OSS nel 2022?

L’Operatore Socio Sanitario, oltre a svolgere le mansioni precedentemente elencate, è una figura che, per definizione di legge, opera, coopera e collabora a fianco di professionisti del settore (infermieri, terapisti della riabilitazione, dietologi, educatori professionali etc.) quindi può lavorare in ambito sia sociale che sanitario.

Le opportunità lavorative possono essere tante. Oltre la possibilità di poter lavorare in RSA (Residenza Sanitaria Assistenziale, una struttura extra ospedaliera finalizzata a fornire accoglimento, prestazioni sanitarie e di recupero, tutela e trattamenti riabilitativi ad anziani in condizioni di non autosufficienza fisica/psichica, privi di supporto familiare) e centri diurni (sono dei centri aperti almeno sei-otto ore al giorno che offrono servizi di natura socio-assistenziale agli anziani per aiutarli a mantenere la propria autonomia e favorire la socializzazione e la relazione), con la qualifica OSS è possibile lavorare anche in ospedali, cliniche private oppure partecipare ai concorsi pubblici per poter esercitare in ospedali pubblici o all’ATS (le Aziende di Tutela della Salute).

Lo stipendio percepito rientra per il momento nella categoria B in quanto è stato approvato il DDL Lorenzin, ormai legge Lorenzin, che garantisce a chiunque abbia l’attestato OSS una collocazione nella categoria C, aumentando di conseguenza il salario minimo garantito.

Lo stipendio medio 2022 di un Operatore Socio Sanitario – OSS può andare dai 900 e i 1.600 euro netti mensili in base all’esperienza maturata ma chiaramente è uno stipendio che varia base ai diversi livelli del contratto collettivo e al luogo di impiego: sanità pubblica, sanità privata, lavoro privato a domicilio o in ospedale.

Quanto guadagna un OSS di stipendio nel 2022 se trova lavoro in ospedale? Ecco gli importi degli stipendi lordi:

  • per il Livello BS: da 18.393,84 a 19.209,84 euro
  • per il Livello BS1: da 18.968,58 a 19.810,50 euro
  • per il Livello BS2: da 19.529,30 a 20.395,82 euro
  • per il Livello BS3: da 19.928,78 a 20.812,70 euro
  • per il Livello BS4: da 20.589,69 a 21.503,73 euro
  • per il Livello BS5: da 21.272,92 a 22.217,32 euro

Quanto guadagna un OSS di stipendio nel 2022 se trova lavoro in una casa di cura o in una struttura private?

Lo stipendio mensile può variare dai 900 ai 1.600 euro netti, in media la somma percepita da un Operatore Socia Sanitario di una struttura privata è di è di circa 1.436 euro.

Quanto guadagna un OSS di stipendio nel 2022 se sceglie la tipologia di lavoro privato?

Per gli Operatori Socio Sanitari – OSS che decidono di lavorare privatamente a domicilio gli stipendi sono più alti. La retribuzione mensile è variabile e dipende dalle esigenze del paziente, in base a ore di lavoro, orario diurno o notturno. La retribuzione oraria:

  • da 13.50 a 20 euro all’ora per Operatori con esperienza
  • 120 euro per assistenza domiciliare notturna per 10 ore
  • 150 euro per assistenza ospedaliera notturna per 10 ore

Vuoi diventare OSS? Clicca qui e scopri come diventare Operatore Socio Sanitario

Come diventare Operatore Socio Sanitario – OSS?

Per svolgere la professione di Operatore Socio Sanitario è necessario ottenere l’attestato di qualifica OSS tramite la frequenza di un corso presso ente di formazione accreditato e il superamento dell’esame finale.

Per poter partecipare al Corso di formazione OSS è necessario:

  • Essere maggiorenni;
  • Possedere un diploma di scuola secondaria di secondo grado qualifica biennale ai sensi della legge 95/80 o qualifica almeno triennale;
  • Avere un certificato medico di idoneità fisica;

Per gli stranieri, oltre a quanto previsto ai punti precedenti:

  • copia conforme all’originale del titolo di studio conseguito all’estero e dichiarazione di valore dello stesso, rilasciata dall’Ambasciata italiana del paese d’origine (se cittadini extracomunitari);
  • traduzione asseverata del titolo di studio (se cittadini comunitari);
  • comprensione orale e scritta della lingua italiana, a un livello tale da consentire la partecipazione al percorso formativo.

Per chi non possedesse il diploma di maturità è previsto un corso alternativo per poter operare sempre in ambito socio assistenziale: Corso ASA – Ausiliario Socio Assistenziale. Una volta terminato questo percorso, volendo sarà possibile ottenere anche la qualifica OSS con il corso di Riqualifica ASA in OSS (per ulteriori approfondimenti leggi “Riqualifica ASA in OSS, perchè farlocon approfondimenti sulle differenze sostanziali tra ASA e OSS)

La durata del corso OSS è di 1000 ore di formazione, di cui 450 ore di teoria, 100 di esercitazioni e 450 di pratica attraverso attività di tirocinio presso strutture socio-assistenziali e socio-sanitarie.

TSS, ente di formazione accreditato da Regione Lombardia, con sedi presenti a Milano, Bergamo, Varese e Brescia, da oltre 11 anni propone un percorso completo di abilitazione e inserimento lavorativo presso strutture sanitarie e di ricovero.

Oltre 2400 corsisti hanno scelto Il corso OSS, non solo per la preparazione fornita da esperti del settore ma soprattutto per il programma di inserimento lavorativo. Quasi il 90% di coloro che hanno ottenuto la qualifica OSS sono stati assunti entro 3 mesi dal termine del percorso.

Vuoi diventare Operatore Socio Sanitario? Iscriviti al nostro CORSO OSS

JOBlog

Iscriviti a JOBlog per ricevere le ultime notizie su TSS.

Progetti di settore

Target Service Solutions è attiva da tempo nel mondo della formazione professionalizzante, permettendo ai propri corsisti di specializzarsi in progetti di settore di diversi ambiti professionali regolamentati da Regione Lombardia.

JOBlog

Recensioni

Corsi mirati. Cinque stelle meritate.

Alessandro L.

Progetti di settore

Target Service Solutions è attiva da tempo nel mondo della formazione professionalizzante, permettendo ai propri corsisti di specializzarsi in progetti di settore di diversi ambiti professionali regolamentati da Regione Lombardia.

JOBlog

Recensioni

Corsi mirati. Cinque stelle meritate.

Alessandro L.